Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.tarocchinobolognese.it/home/mainfile.php on line 15 Accademia del Tarocchino Bolognese
  Crea nuovo account  · Home · Argomenti · Il Tuo Account · Statistiche · Segnalaci · TOP 10 ·  17 Ottobre 2017
Nuke Solutions

Menù Principale
0
· Introduzione
· Il gioco giocato
· Calendario
· Bibliografia
· Organizzazione
· Contatto
· Inviaci una notizia

Storia
0
· Il falò di San Bernardino
· Primi stampatori
· Il mazzo ridotto
· 'Cha perse se grata el cullo'
· I Papi diventan Mori
· Il Diavolo e la contessa
· Bisteghi e Pisarri
· L'avvento dei Numeri

Curiosità
0
· L'invettiva di Lollio
· Il violinista
· I consigli di Pisarri
· Lettera per conteggiare

La partita a Tutt'andare
0
· Fonte
· Il Tarocchino ieri e oggi
· Il mazzo de li Antichi
· Punteggio ordinario di carte e mazzo
· Computo ordinario di cricche e sequenze
· Il gioco a Pesi (XVII°-XVIII° secolo)
· La Partita a Tutt'andare
· Le onoranze a Tutt'andare
· La distribuzione e l'andata a monte
· L'accusa ordinaria fuori piatto
· I Termini
· Termini d'invito
· Termini di dichiarazione
· Gli Onori d'accusa e le Oche
· Onori di gioco
· Onori di fine mano e punteggio

Dialetto (Angelo Caparrini)
0
· Dener capp sped bastan
· Busser strisier vuler
· El chert
· Dal sads al zenqv
· Al zug
· I pont

Girolamo Zorli
0
· I disen del bridge
· L'arcano taglio
· Bindo da Prato
· Il mazzo ridotto
· Trionfi appropriati
· Michele Techeli
· Cerchiamo troviamo conserviamo

Sir Michael Dummett
0
· Chi è Sir Michael Dummett?
· Il saluto all'Accademia

Girolamo Zorli --> Bindo da Prato


Bindo da Prato

Bindo da Prato l'8 agosto 1459 denunciò a Bologna un furto compiuto ai suoi danni dal barbiere Floriano. La perquisizione in casa del barbiere portò al rinvenimento anche di unum per cartarum a Trumphis, un mazzo di tarocchi.

Roberto Blanchelli da Rimini stipulò nel 1477 un contratto con il maestro Pietro Bonozzi. Bonozzi era il fabbricante e fornitore ufficiale di carte da gioco del governo bolognese. Il figlio di Bonozzi s'impegnava a fabbricare per diciotto mesi in esclusiva per Blanchelli carte e trionfi su carta fornita dal committente.

In campagna si diffondeva il gioco: la rissa tra Andrea Grossi e un tale soprannominato Bel Mangione, mentre giocavano a tarocchi in casa Manzoli a villa di San Martino, è del 1480.

Queste vicende di gente comune ci dicono come nella seconda metà del Quattrocento a Bologna i trionfi fossero già popolari. La Bologna di allora era gremita di studenti da tutta Europa. Forse l'Alma Mater è stata una responsabile del nuovo gioco e del suo mazzo.

E' possibile che il gioco dei tarocchi fosse allora un semplice tressette briscolato, dove a fine mano i giocatori computavano i punti delle figure incassate. Abbiamo notizie ferraresi di honori, cioè di accuse di combinazioni di carte. Queste accuse erano premiate con punteggi elevati, se non con vincite dirette in denaro. Sappiamo anche che nel Cinquecento riduzioni di mazzo erano praticate un po' in tutta Italia.

Sappiamo che tali honori premiavano combinazioni trasversali (tre Re) ed orizzontali (Re più due figure dello stesso seme). E' verosimile che gli honori cinquecenteschi prevedessero la regola che il possesso di tre o più combinazioni raddoppiasse il già sostanzioso punteggio.

Girolamo Zorli --> Bindo da Prato


 · Home · Argomenti · Il Tuo Account · Statistiche · Segnalaci · TOP 10 ·